Archetipi: come usarli per aumentare il proprio potere personale (1)

Termini come “archetipo” e “archetipale” si ritrovano molto spesso in articoli e contributi che riguardano argomenti psicologici o di crescita personale. Il concetto di archetipo è utilizzato anche nel mondo della comunicazione, per migliorare il modo di comunicare l’immagine di un brand e per influenzare quote crescenti di consumatori.
In generale, gli archetipi si riferiscono a simboli, personaggi o motivi universali che evocano nelle persone un significato profondo. “Condensati di energia psichica“, “modelli inconsci di comportamento“, ecc. Le definizioni sono molteplici. 

Gli archetipi possono essere pensati come contenitori, o anche come schemi di comportamento che esistono nell’inconscio collettivo. Questi contenitori contengono figure, motivi o temi interconnessi che riappaiono ciclicamente nei miti, nelle fiabe popolari, nelle religioni, nella letteratura e nelle arti, in modo trasversale attraverso culture ed epoche. Le singole figure, i motivi e i temi non sono gli archetipi stessi, bensì sono il contenuto degli archetipi.  

L’etimologia del termine archetipo ci rimanda ad arché, in greco “primo” e typon, modello”, cosicché il suo significato è “primo tipo, prima forma, primo modello”. Un modello contenuto nell’immaginario collettivo e che guida il nostro cammino in ogni tempo, in ogni luogo, qualunque sia la nostra cultura. Alcuni esempi di archetipi ben noti includono il vecchio saggio (si pensi a Yoda di Star Wars o Mr. Miyagi in The Karate Kid), il Fuorilegge, il caregiver (vedi Julie Andrews in Mary Poppins), ma anche l’Artista, la grande Madre, il Filosofo, il Guerriero, il Re, la Strega e così via. Ma in una certa epoca gli archetipi possono essere rappresentati da specifici personaggi del tempo. Potenzialmente, ogni personaggio della televisione, dei film, delle cronache può rappresentare un archetipo. 

Il concetto profondo di ciò che è un archetipo può essere difficile da comprendere. Questo perché gli archetipi esistono “al di là” della nostra immediata percezione sensoriale nell’inconscio collettivo e sono solo indirettamente vissuti come “pressione” o “forza” sulla nostra coscienza di veglia. A un livello profondo della nostra psiche, essi strutturano le nostre percezioni, motivazioni e idee, di solito senza che ne siamo consapevoli: sappiamo che sono lì perché possiamo sentire i loro effetti e vedere le loro manifestazioni nella cultura.
Platone si riferiva agli archetipi come Forme, che considerava modelli ideali preesistenti. Carl Jung li chiamava invece “immagini primordiali” e “unità fondamentali della mente umana“. ill_1221897_44e0_platon

Secondo alcune correnti della psicologia le nostre personalità sono organizzate attorno ad alcuni archetipi in proporzioni variabili. e quasi tutti i comportamenti umani sono guidati dagli archetipi. Ancora Jung affermava che essi Sono il sistema vivente di reazioni e attitudini che determinano la vita dell’individuo in modi invisibili“.

Più recentemente la dott.ssa Carolyn Myss ha affermato che “alcuni archetipi escono dallo sfondo di questo grande collettivo per svolgere un ruolo molto più importante nella vita delle persone e che ognuno di noi ha il proprio allineamento personale degli archetipi chiave” (Sacred Contracts, 2001, p. 14). Ciò a cui Myss fa riferimento è che gli archetipi possono sia caratterizzare la nostra personalità in modo unico e originale, o manifestarsi come squilibrio, fornendo alla persona uno stimolo per avviare un percorso di crescita personale. Ci sono diversi motivi per cui questo può accadere: Siamo chiamati naturalmente a manifestare energie diverse man mano che cambiano le situazioni della vita. Quando hai un bambino, ad esempio, probabilmente ti sentirai molto protettivo e premuroso per questo bambino e avrai una corrispondente spinta nelle tue energie da caregiver. Oppure, quando sei di fronte a qualcosa che devi assolutamente avere o fare, puoi prenderti rischi che normalmente non avresti preso, al fine di ottenere il risultato desiderato. In questo caso è il Guerriero che viene richiamato in te“. Si tratta in vero di energie che cambiano con le circostanze, si attivano e disattivano a seconda delle necessità o della fase del percorso evolutivo personale.

Ancora secondo la Myss, “Un’altra cosa da considerare è che abbiamo uno scopo nella vita. In questo caso uno o due dei nostri archetipi potrebbero rimanere in prima linea per tutta la nostra esistenza. Quando creo i profili per le persone, posso essere ragionevolmente sicura che un insegnante di bambini piccoli avrà un punteggio elevato per l’archetipo del caregiver. La vita non ha senso per loro senza avere un ruolo premuroso, è il loro valore fondamentale. O se una persona è in tarda età, fase nella quale l’archetipo del Saggio o del Sovrano dovrebbero prendere il sopravvento, eppure il suo Guerriero sta ancora agendo come un archetipo principale, allora ci deve essere una buona ragione per questo…

Mentre gli archetipi sono ovunque, non è altrettanto noto che possiamo lavorare attivamente con loro per ottenere una maggiore consapevolezza di noi stessi, capire cosa ci spinge, nel bene e nel male. Secondo Hopcke, quando permettiamo al contenuto degli archetipi di entrare nella nostra consapevolezza cosciente e promuoviamo una relazione tra i nostri due livelli di esistenza: 1) il quotidiano (personale) e 2) l’archetipo (collettivo), allora stiamo gettando le basi per la crescita personale. Quando scopriamo che ci relazioniamo con certi miti, fiabe e storie, possiamo trarre forza, intuizione e conforto da loro, poiché forniscono una sorta di “mappa umana” per permetterci di navigare e comprendere meglio le nostre vite. jung+archetypes

Nel prossimo post esamineremo alcune metodologie di lavoro di semplice applicazione per potenziare la nostra energia attraverso gli archetipi.

Annunci